Back

News

Gabriele Tarquini e Honda: tutti i numeri

Gabriele Tarquini e Honda: tutti i numeri

24/12/2015 12:00

Dopo tre anni passati assieme l’abruzzese è stato estromesso dal programma ufficiale WTCC dei giapponesi: ecco ciò che resta.

Al ritorno della Honda nel WTCC (anno 2013), Tarquini riuscì a centrare la pole position a Marrakech.

Lo stesso risultato il “Cinghiale” lo ottenne allo Slovakia Ring, dove poi trionfò.

In Ungheria fu invece coinvolto in un incidente al via, dovendo andare in ospedale per accertamenti.

Una volta ripresosi dal tremendo botto, Tarquini tornò al successo in Gara 2 a Sonoma (USA).

Il 2014 non si aprì nel migliore dei modi, dato che nelle Prove Libere la Honda Civic di Tarquini fu centrata da Gianni Morbidelli, dovendo rinunciare a prendere parte al resto del weekend. Riparata la vettura, una settimana dopo si presentò in pista al Paul Ricard, ma non senza difficoltà, dato che la JAS fu costretta ad una corsa contro il tempo per effettuare tutti gli interventi; inoltre la mancanza di possibilità di effettuare dei test non permise ai giapponesi di recuperare.

I podi in Russia e Austria furono un lieve segnale di miglioramento.

A Suzuka, invece, la vittoria (in casa Honda) ridiede il sorriso e qualche speranza per il futuro.

Tarquini ha però dovuto attendere le gare in Russia del 2015 per ritornare a podio; questo arrivò in Gara 1 con grandi soddisfazioni.

In Slovacchia ha condotto per alcuni giri nel secondo round, dovendosi poi arredere allo strapotere Citroën e accontentarsi del quarto posto finale.

Tarquini è riuscito a risalire sul podio in Portogallo e Giappone, mentre in Cina si è ritrovato primo per 8 tornate, poi ha dovuto cedere il passo ad Yvan Muller. Stoicamente, invece, ha resistito agli assalti del Campione José María López, mantenendo la piazza d’onore.

Durante la stagione non sono mancate le polemiche per via di contatti avvenuti con Ma Qing Hua, Rob Huff e Hugo Valente.

La Zengő Motorsport continua a puntare sui giovani e per la stagione 2017 del FIA World Touring Car Championship ha confermato Dániel Nagy.

I fan del FIA World Touring Car Championship del Marocco potranno godersi le gare di Marrakech in diretta in chiaro grazie all’accordo raggiunto fra l’emittente nazionale 2M ed Eurosport Events (promoter del WTCC).

Ecco tutto il programma per la FIA WTCC OSCARO Race of Italy che riporta il FIA World Touring Car Championship a Monza.

WTCC e F1, grandi legami

26/03/2017 12:00 - 2016

La stagione 2017 di Formula 1 è cominciata in Australia questa mattina. Ecco i 10 legami che il circus ha con il FIA World Touring Car Championship.

L’Argentina pensa già al post-“Pechito”

In questa stagione del FIA World Touring Car Championship non ci sarà José María López, ma la caccia al sostituto è già partita.

L’argentino sarà al via di FIA Formula E e FIA World Endurance Championship nel 2017 dopo aver vinto tre titoli nel WTCC. I suoi connazionali Néstor Girolami (nella foto, a sinistra) ed Esteban Guerrieri (a destra) cercheranno di raccoglierne l’eredità.

Il primo, due volte Campione nel Súper TC2000, correrà con la Volvo del team ufficiale Polestar Cyan Racing, mentre il secondo punta alla vittoria nel WTCC Trophy con la Campos Racing.

“López ha fatto benissimo nel WTCC – ha detto Girolami – Ha fatto crescere il livello di questa categoria perché è un ottimo pilota. Ora anche io ho una grande occasione come l’ha avuta lui, darò il massimo per vincere”.

Da Guerrieri, invece, ci si aspetta tantissimo, dopo le ottime cose mostrate l’anno scorso a Termas de Río Hondo, dove anche a luglio si ripeterà la WTCC Race of Argentina.

“Cercherò di sfruttare al meglio la mia occasione, ma sono certo che potrò giocarmela alla pari con altri durante tutto l’anno”.

L’Argentina pensa già al post-“Pechito”

In questa stagione del FIA World Touring Car Championship non ci sarà José María López, ma la caccia al sostituto è già partita.

L’argentino sarà al via di FIA Formula E e FIA World Endurance Championship nel 2017 dopo aver vinto tre titoli nel WTCC. I suoi connazionali Néstor Girolami (nella foto, a sinistra) ed Esteban Guerrieri (a destra) cercheranno di raccoglierne l’eredità.

Il primo, due volte Campione nel Súper TC2000, correrà con la Volvo del team ufficiale Polestar Cyan Racing, mentre il secondo punta alla vittoria nel WTCC Trophy con la Campos Racing.

“López ha fatto benissimo nel WTCC – ha detto Girolami – Ha fatto crescere il livello di questa categoria perché è un ottimo pilota. Ora anche io ho una grande occasione come l’ha avuta lui, darò il massimo per vincere”.

Da Guerrieri, invece, ci si aspetta tantissimo, dopo le ottime cose mostrate l’anno scorso a Termas de Río Hondo, dove anche a luglio si ripeterà la WTCC Race of Argentina.

“Cercherò di sfruttare al meglio la mia occasione, ma sono certo che potrò giocarmela alla pari con altri durante tutto l’anno”.

I fan del FIA World Touring Car Championship potranno godersi il ritorno a Monza in modo totalmente gratuito.