Back

News

Rob Huff: “Nel 2015 possiamo vincere ancora”

Rob Huff: “Nel 2015 possiamo vincere ancora”

22/01/2015 12:26

Il Campione WTCC 2012 si dice fiducioso del potenziale della nuova Vesta TC1.

Il pilota della LADA Sport si appresta ad affrontare la sua seconda annata assieme al team russo, con il quale vinse un paio di volte al volante della Granta 1.6T nel corso del 2014.

“Possiamo vincere delle gare – ha dichiarato Huff – L’anno scorso abbiamo terminato la stagione al 100%, ma sono convintissimo che appena usciti dai box con la nuova auto saremo già più forti. Non ci resta che aspettare e vedere, ma abbiamo tre settimane intense di test prima di correre la gara d’apertura; tutto tempo che non abbiamo avuto 12 mesi fa e grazie al quale ci presenteremo con una buona conoscenza di base della macchina e dei set-up, da cui partiremo per batterci con gli altri.”

Oltre ad Huff, la LADA Sport schiererà in griglia anche il russo Mikhail Kozlovskiy e l’inglese James Thompson, che vedremo in azione in Argentina dal 6 all’8 marzo.

La Chevrolet è la vettura che ha ottenuto più vittore, pole position e giri veloci fra i costruttori del FIA World Touring Car Championship, dunque non è una sorpresa averla anche al comando della graduatoria dei giri completati al comando.

La popolarità del FIA World Touring Car Championship in Giappone continua a crescere in questo 2017: il promoter Eurosport Events e J SPORTS hanno raggiunto un accordo per la trasmissione delle gare in diretta.

John Filippi è sceso ieri in pista per la prima volta con la Citroën C-Elysée WTCC, con la quale proseguirà le prove anche quest’oggi.

La rincorsa al titolo di Campione del FIA World Touring Car Championship 2017 è già cominciata, con diversi protagonisti impegnati nei primi test.

Nel 2017 il FIA World Touring Car Championship andrà a far visita a 10 piste diverse. Vediamo quali sono i piloti capaci in passato di vincere.

Zoltán Zengő, capo dell’omonima squadra ungherese, ha ammesso che adora correre nel FIA World Touring Car Championship.