Back

News

Thailandia, anteprima: José María López ad un passo dal paradiso

Thailandia, anteprima: José María López ad un passo dal paradiso

23/10/2015 09:00

L’argentino potrebbe festeggiare il suo secondo Titolo Piloti consecutivo nel FIA WTCC già domenica prossima a Buriram, dove si correrà il weekend del 31 ottobre-1 novembre.

Sul Chang International Circuit il pilota della Citroën tenterà l’impresa, che se dovesse concretizzarsi andrebbe ad imitare quelle di altri Campioni suoi predecessori, come ad esempio Andy Priaulx (2005-2007) e Yvan Muller (2010-2011); proprio quest’ultimo resta il rivale principale di “Pechito”, avendo 75 punti di margine da recuperare.

Sono tantissime le combinazioni che incoronerebbero López Campione: la prima è partendo dalla Pole Position e vincendo Gara 1, indipendentemente dal risultato di Muller. Se invece dovesse essere il francese ad ottenere questo risultato, a López basterebbe un secondo o un terzo posto in Qualifica e la piazza d’onore nel primo round, terminando poi almeno al terzo posto Gara 2, anche se la vittoria andasse al compagno di squadra. C’è da dire che con 8 vittorie, 5 Pole e 9 giri veloci all’attivo, il 32enne di Córdoba resta comunque il favoritissimo, avendo anche trionfato in tutti i nuovi circuiti del caledario 2015.

López, però, non è l’unico che potrebbe festeggiare il Titolo in Thailandia (posto dove si corre per la prima volta un Mondiale FIA automobilistico); Norbert Michelisz è vicinissimo al Trofeo Yokohama Piloti. Il ragazzo della Zengő Motorsport si presenta a Buriram con 25 lunghezze di vantaggio in classifica di categoria, ma l’ungherese ha anche la possibilità di lottare per il quarto posto assoluto, magari concludendo davanti alle altre Honda di Tiago Monteiro e Gabriele Tarquini.

Tornando alle posizioni di vertice, come detto sopra abbiamo Muller al secondo posto, seguito a -39 dall’altro pilota Citroën, il francese Sébastien Loeb; l’ex rallista si è distinto molto bene in questa annata, nella quale ha vinto tre gare (appena due in meno rispetto a Muller). Loeb ha recentemente svelato che parteciperà alla Dakar 2016 in Sud America, ma prima ha intenzione di concludere degnamente questo suo secondo anno nel WTCC.

La Citroën Total WTCC schiera anche il cinese Ma Qing Hua, attualmente quarto assoluto e vincitore di una gara nel 2015. Occhio anche a Hugo Valente (Campos Racing), Rob Huff (LADA Sport Rosneft) e Tom Chilton (ROAL Motorsport), tutti a podio quest’anno. In Thailandia vedremo anche Mehdi Bennani (Sébastien Loeb Racing), gli olandesi Tom Coronel e Nicky Catsburg, Stefano D’Aste (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport), il francese della LADA Nicolas Lapierre e Grégoire Demoustier (Craft-Bamboo Racing). In casa Campos Racing, oltre ai soliti Valente e John Filippi, ci sarà anche il debuttante idolo locale Tin Sritrai.

La Chevrolet è la vettura che ha ottenuto più vittore, pole position e giri veloci fra i costruttori del FIA World Touring Car Championship, dunque non è una sorpresa averla anche al comando della graduatoria dei giri completati al comando.

La popolarità del FIA World Touring Car Championship in Giappone continua a crescere in questo 2017: il promoter Eurosport Events e J SPORTS hanno raggiunto un accordo per la trasmissione delle gare in diretta.

John Filippi è sceso ieri in pista per la prima volta con la Citroën C-Elysée WTCC, con la quale proseguirà le prove anche quest’oggi.

La rincorsa al titolo di Campione del FIA World Touring Car Championship 2017 è già cominciata, con diversi protagonisti impegnati nei primi test.

Nel 2017 il FIA World Touring Car Championship andrà a far visita a 10 piste diverse. Vediamo quali sono i piloti capaci in passato di vincere.

Zoltán Zengő, capo dell’omonima squadra ungherese, ha ammesso che adora correre nel FIA World Touring Car Championship.